I laser scanner di Polo Progetti per il rilievo e la restituzione 3d

laser scanner leica

I dispositivi laser scanner hanno rivoluzionato la progettazione architettonica e semplificato molto la vita a chi vuole effettuare misurazioni precise di edifici e strutture. La digitalizzazione dei dati ottenuti con gli scanner laser permette di progettare in 3d con grande efficacia sulla base delle informazioni acquisite in fase di rilevazione e poter così prevedere anche l’installazione e la gestione futura di impianti di diverse tipologie.

I migliori studi di progettazione architettonica e ingegneristica fanno uso di questa strumentazione laser. Grazie all’iniziativa di due soci, anche Polo Progetti si è dotato di due apparecchiature laser scanner per poter offrire ai clienti anche l’attività di rilievo geometrico architettonico e impiantistico.

Nel 2018 Baustudio, socio di Polo Progetti, ha iniziato a fornire questo servizio utilizzando un laser scanner modello Leica BLK360.

Più di recente il lavoro di rilievo laser ha avuto un forte impulso grazie alla partecipazione di Gruppo EDEN, altro studio socio di Polo Progetti, all’acquisto di un secondo strumento, il laser scanner modello Leica RTC360.

I laser scanner a 360° come quelli in dotazione consentono di rilevare geometricamente strutture ed impianti. Questi due potenti strumenti permettono la misurazione degli elementi secondo una metodologia innovativa che tiene conto delle caratteristiche dei locali da rilevare, diminuendo notevolmente i tempi di lavoro sul campo degli addetti. Il risultato delle scansioni è una rappresentazione digitale dell’oggetto reale, cioè una fotografia tridimensionale a colori nella quale è possibile navigare e prendere le misure di tutti i punti rilevati.  La precisione che si può ottenere varia, in base allo strumento, dai 2,9 mm ai 7 mm ad una distanza di 20 metri. Lo scanner ottiene una nuvola di punti che può poi essere gestita tramite i nuovi software acquisiti dai due soci di Polo Progetti, come Leica Cyclone. Il rilievo può poi essere condiviso con i clienti tramite Leica CloudWorx.

La restituzione del rilievo viene svolta con metodologia BIM(Building Information Modeling), tramite l’utilizzo del software Autodesk Revit che permette di ottenere un modello contenente informazioni architettoniche, strutturali ed impiantistiche. Oltre ai dati geometrici è possibile inserire informazioni su caratteristiche meccaniche o termiche dei materiali, schede tecniche e informazioni sulle manutenzioni per gli impianti, ecc… È inoltre è possibile automatizzare i processi di diagnosi energetiche o la computazione delle lavorazioni.