Polo Progetti al lavoro sull’efficientamento energetico di una scuola d’infanzia a Mirandola

Partiranno con la chiusura dell’anno scolastico i lavori per l’efficientamento energetico della “Scuola d’infanzia Montessori” di San Giacomo Roncole, frazione del Comune di Mirandola. A dirigere la parte di efficientamento energetico e impianti meccanici sarà Polo Progetti, che si è aggiudicata la gara per realizzare le indagini diagnostiche e il progetto esecutivo.

“Sulla base di tutti i dati e le informazioni ricavate dall’indagine diagnostica preliminare di rilievo – spiega l’ingegner Matteo Grilli, titolare di March’Ingegno, lo studio associato che segue questa commessa per Polo Progetti  –  è stato possibile modellare l’edificio all’interno di un software di calcolo energetico, valutando tutte le sue criticità e vulnerabilità dal punto di vista della prestazione energetica allo stato di fatto, sia dal punto di vista dei consumi che del comfort all’interno degli ambienti. In questo modo è stata costruita una strategia d’intervento in grado di rispondere alle esigenze della committenza per l’efficientamento energetico dell’edificio, compatibilmente con l’investimento economico a disposizione”.

L’attuale edificio presenta diverse problematiche. “È caratterizzato da elevate dispersioni di calore – prosegue l’ing. Grilli -, che comportano una potenza dell’impianto di climatizzazione elevata e notevoli consumi energetici per mantenere la temperatura interna agli ambienti ai valori prefissati per la stagione invernale (20°C). Dal punto di vista del comfort abitativo, l’assenza di isolamento termico nei componenti edilizi opachi, come pareti e solai, e la presenza di infissi con elevati valori di trasmittanza termica e scarsa tenuta all’aria, fa sì che la temperatura superficiale interna di tali elementi risulti essere estremamente bassa, con notevole discomfort all’interno degli ambienti ed elevati rischi di formazione di muffe e condense, aspetto quest’ultimo estremamente importante in un ambiente delicato quale può essere una scuola materna”.  

I lavori che prenderanno il via tra qualche settimana permetteranno quindi una maggiore efficienza energetica: “prevediamo di ridurre i fabbisogni energetici dell’edificio attraverso l’isolamento dell’involucro edilizio opaco e la posa di nuovi infissi ad elevate prestazioni energetiche – chiarisce Grilli -. In secondo luogo, attraverso la progettazione integrata di impianti e involucro, si sono definiti i nuovi fabbisogni energetici dell’edificio, decisamente ridotti, con soluzioni impiantistiche più efficienti, in grado di sfruttare l’energia da fonti rinnovabili (FER) e di massimizzare il comfort all’interno degli ambienti sia in termini di vivibilità che di salubrità”.