La diagnosi energetica di Polo Progetti per le strutture di Società Dolce

Ogni quattro anni le aziende con oltre 250 dipendenti, o con un fatturato che supera i 50 milioni di euro, hanno l’obbligo (secondo quanto previsto dal decreto legislativo 102/2014) di effettuare la diagnosi energetica dei propri siti. È il caso della Società Dolce soc. coop., una importante onlus che ha sede legale e amministrativa a Bologna e che offre servizi alla persona. Conta 98 sedi tra Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio, in particolare asili e centri per anziani.

La diagnosi energetica è lo strumento più adatto ed affidabile per studiare i consumi di un sito ed è un passaggio fondamentale per decidere gli interventi più opportuni allo scopo di risparmiare sul conto energetico. Per le società che, come Società Dolce, hanno numerosi siti in cui svolgono le proprie attività, è ovviamente molto importante capire se è possibile, e come, contenere i propri consumi.

Polo Progetti ha ottenuto l’incarico per effettuare la diagnosi energetica per la Società Dolce e il Gruppo Eden, una delle società che fanno parte del gruppo Polo Progetti, si è già messa al lavoro. Al titolare, l’ingegner Emanuele Pifferi, abbiamo chiesto in cosa consiste la diagnosi.

“Innanzitutto abbiamo svolto un’analisi dei consumi dei siti di Dolce per individuare gruppi rappresentativi di consumo, cioè quella che in termini tecnici si definisce clusterizzazione – spiega l’ingegner Pifferi -. Questa ricognizione ci ha portato ad individuare due cluster di consumo e, per ogni raggruppamento, abbiamo analizzato più nel dettaglio una struttura campione. Sono state scelte quindi la “Casa degli Etruschi” di Marzabotto, una struttura socio-sanitaria per anziani che si trova sull’appennino bolognese, e la Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza per anziani Vici Giovannini di Cattolica (RN). In entrambi i casi abbiamo già svolto sopralluoghi, dalla primavera fino a metà luglio. Insieme al personale addetto abbiamo fatto il punto sugli attuali consumi energetici in bolletta e sull’impiantistica presente, informazioni che sono utili a una diagnosi preliminare. Si tratta nei due casi di strutture assimilabili ad uso residenziale, per cui i consumi principali sono dovuti all’illuminazione e al condizionamento degli ambienti. Per questo, in un secondo momento, è stata molto utile l’installazione di strumenti di misura sulle principali utenze energivore. Anche questo ci aiuta a costruire un modello che tiene conto dei bisogni energetici reali e dell’eventuale sovrappiù di consumo. Una volta effettuato il monitoraggio proporremo interventi migliorativi per un reale risparmio energetico e, se desiderato, metteremo a disposizione altri partner di Polo Progetti per realizzare gli interventi di efficientamento energetico in modalità ESCO”.

Oltre ai primi due siti, Polo Progetti ha avuto poi mandato di effettuare la diagnosi energetica in altri due strutture di Società Dolce: si tratta del centro residenziale per anziani “San Paolo” ad Azzano San Paolo (BG) e dello “Spazio Salute”, un centro ambulatoriale di riabilitazione a Bologna, sito in via Elio Bernardi 7 / H  in prossimità dell’Ospedale Maggiore.